- papalmedalsinthebooks

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le pubblicazioni

C.N.O.R.P.
PIO XI NELLA MEDAGLIA
(1922-1939)
(XVI Volume)


Roma 1987 – a cura degli autori.
In 4° (cm 31,5 x 23,5) - pagine 267 - Tiratura di 300 copie
367 medaglie schedate e fotografate in bianco e nero.
Presentazione del Card. Giovanni Colombo.



Ampia panoramica sulle medaglie di Pio XI (1922-1939): da quelle ufficiali a quelle private e devozionali.
Ogni medaglia è riprodotta, nel diritto e nel rovescio, nel suo modulo originale ed è corredata oltre che di tutti i dati tecnico-descrittivi, anche da un’accurata esposizione storica dell’avvenimento commemorato.
Completano ed arricchiscono il volume: un’ampia bibliografia, un indice tematico delle medaglie, un indice alfabetico delle leggende dei rovesci e un indice alfabetico degli artisti.


"...Ma se per comprendere e giudicare AchilIe Ratti, occorre iniziare a conoscerlo come lombardo; presto, però, bisogna allargare l'angolatura d'osservazione ed aprirla sui vasti orizzonti di tutta la Chiesa e dell'umanità intera, per i quali egli si trovò ad operare. Ne risulta così una figura di Pio XI, viva e avvincente sia nell'aspetto della propria personalità, sia in quello della sua alta missione pontificale. Colui che era ritenuto un astratto ricercatore ricercatore di polverose biblioteche d'un tratto s'è rivelato un uomo organizzatore e realizzatore. Colui che prima di salire al soglio pontificio era talvolta ritenuto un prete "liberale", borghese, frequentatore di salotti, colui che si mirava a catalogare in correnti di inquieto progressismo, quando le circostanze provvidenziali lo obbligheranno a rivelare la sua vera personalità, ci apparì in assiduo ascolto della Parola di Dio, capace di adeguarsi ad essa con lealtà eroica, tetragono ad ogni conformismo di principi o di comportamenti.
Colui che troppo spesso fu presentato come un accorto diplomatico e un abile politico, emerge, nella scena labile degli anni che egli visse, come pastore: un pastore che cerca null'altro che la salvezza del gregge, anche quando deve attraversare le strade della politica o i sentieri della diplomazia; un pastore non preoccupato che di dare, giorno per giorno, la sua vita in servizio delle pecorelle e degli agnelli, e se quel Signore di cui era cosciente Vicario, l'avesse voluto, faceva capire che gli sarebbe bastato il coraggio di donare anche il sangue...".

Giovanni Colombo

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu