- papalmedalsinthebooks

Vai ai contenuti

Menu principale:

Le pubblicazioni

C.N.O.R.P.
PIO X E BENEDETTO XV NELLA MEDAGLIA
(1903-1922)
(XV Volume)

Roma 1986 – a cura degli autori.
In 4° (cm 31,5 x 23,5) - pagine 173 - Tiratura di 300 copie
216 medaglie schedate e fotografate in bianco e nero.
Presentazione dello scultore e medaglista Guido Veroi
Introduzione del Card. Pietro Palazzini.



Ampia panoramica sulle medaglie dei Pontefici Pio X e Benedetto XV (1903-1922): da quelle ufficiali a quelle private e devozionali.
Ogni medaglia è riprodotta, nel diritto e nel rovescio, nel suo modulo originale ed è corredata oltre che di tutti i dati tecnico-descrittivi, anche da un’accurata esposizione storica dell’avvenimento commemorato.
Completano ed arricchiscono il volume: un’ampia bibliografia, un indice tematico delle medaglie, un indice alfabetico delle leggende dei rovesci e un indice alfabetico degli artisti.

" ... Mancava una raccolta sistematica di dati e di notizie che esaminasse tutta la produzione ufficiale e non, in modo da dare al collezionista una risposta sicura ed esauriente per ogni consultazione.
Cusumano e Modesti, studiosi, in questo campo, di notevole preparazione e perciò consapevoli di questa carenza editoriale, hanno avviato una iniziativa tendente ad eliminarla, di cui si vede, oggi, il primo volume
... Con ciò l 'opera realizza veramente una sintesi: perché la medaglia deve essere, sì, perfettamente descritta nei suoi dati tecnici, ma essa non è soltanto diametro, peso, metallo, indicazione di un'effige e di una legenda: è anche un fatto umano. Ed è stato indovinato l'avere talora ampliato il' racconto  introducendo una vena lirica, un elemento di pathos. Ho il piacere quindi di presentare un'opera senza dubbio tra le più valide in materia. E, se è vero - come molto umilmente riconoscono gli autori - che ogni argomento può essere sempre più perfezionato, la tappa raggiunta da essi, oggi, è quanto di meglio si potesse fare per completezza, per accuratezza, per veste tipografica. Credo che veramente abbia tutti i requisiti per diventare 'un classico' ..."

Guido Veroi

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu